6 motivi culinari per non andare in Sicilia

Avete deciso di visitare la Sicilia o state programmando un vacanza nella nostra isola? Mettetevi l’anima in pace fin da ora: INGRASSERETE. Oltre a lasciarvi nel cuore molti ricordi, la Sicilia vi regalerà qualche chilo in più. L’unico consiglio sensato che vi posso dare è quello di seguire una rigidissima dieta “preventiva” per almeno 3 settimane. Riducete drasticamente le calorie se non volete rischiare di diventare un “arancinu che peri” (termine siciliano che sta ad indicare una persona in sovrappeso). I vostri sacrifici saranno ampiamente ripagati durante il soggiorno sull’isola.

Ecco i 6 motivi culinari per non andare in Sicilia:

1) I primi piatti sono veramente pessimi

Tra le vari cucine regionali, quella siciliana è sicuramente una delle più legate alla storia e cultura del proprio territorio. Quasi tutti i primi piatti richiamano i sapori del Mediterraneo.

Ricetta pasta alla norma
previous arrow
next arrow
I primi piatti sono veramente pessimi - Pasta allo scoglio
ArrowArrow
Slider

2) Il vino fa schifo

Grazie alla riscoperta e alla valorizzazione di molti vitigni autoctoni, oggi la Sicilia è in grado di offrire vini di primo piano, primi fra tutti quelli tipici della zona vulcanica dell’Etna. I vini più premiati dalle varie guide enogastronomiche sono principalmente prodotti alle pendici del vulcano.

Etna vini
previous arrow
next arrow
Il vino fa schifo
ArrowArrow
Slider

3) I dolci sono poco invitanti

La Sicilia è nota per la sua ricchezza di dolci, con varianti da città a città. Riesce a soddisfare anche i palati più esigenti. Dietro ai banconi delle pasticcerie il colore la fa da padrone con la frutta candita delle cassate, la variegata frutta martorana, le mini cassatine, i cannoli, i dolci di mandorla e chi più ne ha, più ne metta.

Cosa mangiare in Sicilia
previous arrow
next arrow
I dolci sono poco invitanti - Minni di Vergini
ArrowArrow
Slider

4) Avrete poca scelta a colazione 

Vi sembrerà banale ma in Sicilia la colazione è un vero e proprio rito con una grande varietà di scelta. Non si può parlare di bar nell’isola, è troppo riduttivo; è più corretto parlare di tavola calda e rosticceria. Vi trovi tutto ciò che desideri, dal dolce al salato.

La colazione a Catania
La colazione a Catania
previous arrow
next arrow
Colazione siciliana
ArrowArrow
Slider

5) I supplì sono veramente brutti 

Purtroppo mi è capitato più di una volta di sentire persone confondere l’arancino con il supplì o, cosa ancora peggiore, di sentire dire che sono più o meno la stessa cosa. Per un siciliano questa è un’offesa senza pari. Direste mai ad un romano che il Colosseo è “più o meno” come l’Arena di Verona o ad un calabrese che la soppressata è “più o meno” alla stregua di un normalissimo salame piccante? O cosa ancora peggiore direste mai ad un napoletano che la pizza è “più o meno” come la focaccia romana? Quel “più o meno” fa la differenza. D’altronde il diavolo si nasconde nei dettagli e sono proprio i dettagli che rendono queste specialità uniche e incommensurabili.

arancino
previous arrow
next arrow
Gli arancini siciliani - Foto di Rosa Pugliese. Tutti i diritti riservati.
ArrowArrow
Slider

6) Lo street food non va di moda

Gli italiani amano alla follia i termini anglosassoni e appena ne intravedono l’occasione subito introducono qualche “inglesismo” nel discorso. Da qualche tempo il nostro vocabolario si è arricchito di un nuovo termine: street food. Provate ad andare in giro per le strade di Catania o di Palermo e chiedete alla gente dove poter assaggiare il migliore street food. I più giovani forse vi risponderanno ma i più anziani vi guarderanno dritto negli occhi e, nel migliore dei casi, non vi risponderanno. Il termine “street food” sta ad indicare tutti quei cibi economici che vengono cucinati e consumati velocemente per strada. Più o meno quello che noi in Sicilia volgarmente chiamiamo “pezzi ri rosticceria”. Ma non solo.

previous arrow
next arrow
Street food siciliano
ArrowArrow
Slider

Terrone fino al midollo. Amante della cucina siciliana e del buon vino. Adora fotografare qualsiasi cosa e viaggiare in qualsiasi Paese. Sogna di fare il giro della Sicilia in Vespa. Prima o poi ce la farà!

Commenta il post usando il tuo profilo preferito
  • Facebook
  • Google Plus
  • Disqus