Crea sito

La Pescheria di Catania: la vera essenza della città.

Fin da piccola il mercato del pesce di Catania mi ha sempre affascinato. Ero una bambina quando la mia nonna mi portava con sé in queste variegato mercato situato nel centro storico e ben più noto come la pescheria di Catania. Esso sorge a pochi passi da Piazza Duomo, racchiuso tra questa, via Garibaldi e le mura di Carlo V che delimitano l’ingresso alla città. Ciò che colpisce appena ti addentri in questo vero e proprio ventre cittadino è la varietà di colori e di odori. È un susseguirsi di ombrelloni, bancarelle con diversi prodotti tipici, si perché nonostante il nome qui si può trovare ogni genere di frutta, verdura, formaggi, carne, quindi non solo pesce.

La Pescheria di Catania

È davvero affascinante immergersi in questo mercato. Come non rimanere rapiti da figure che urlano in dialetto, come se fossero attori, per attirare l’attenzione sulla merce esposta quasi facendo a gara. Ciascuno ha i prodotti migliori e invita all’assaggio. Perdersi tra le viuzze è un attimo. Qui ci si scontra con una realtà sempre uguale, direi immutabile. Odori penetranti che ti rimangono addosso ma che fanno sentire il mare vicino, lì a pochi passi. La quantità di pesce fresco che si muove ancora sotto i tuoi occhi ti stupisce e ti suscita quasi tenerezza.

La Pescheria di Catania

Dove si trova il coraggio di gustare quel polipo che ancora si avvinghia con i suoi tentacoli, ultimo tentativo di aggrapparsi alla vita! Intorno è un assembramento di venditori e acquirenti. Banconi, cassette pieni di ogni tipo di pesce: dal maestoso pesce spada ai pesce neonata, (mucco in siciliano), pesciolini minuscoli, appena nati appunto, che messi insieme sono soltanto un groviglio di occhi. E che dire dei gamberi, gamberoni, ricci, vongole, telline….

La Pescheria di Catania

Si continua a guardare intorno alla ricerca di qualcosa forse di insolito che solo lì pensi di poter trovare. E’ tutto uno spettacolo. Rimani a bocca aperta nel vedere con quale dimestichezza i vari pescivendoli riescano ad eviscerare ogni tipo di pesce, o a togliere dalla sacca della seppia l’inchiostro che servirà a condire una delle pietanze più note in Sicilia, la pasta cu niuro (la pasta col nero delle seppie). E poi ancora nel vederli usare dei coltellacci per tagliare il pesce a fette e gettare i pezzi sulla bilancia. Tutto questa confusione stordisce ma si continua ad andare avanti per vedere, guardare, scrutare e … comprare.

La Pescheria di Catania

Non si può visitare Catania senza vedere la Pescheria. E’ la vera essenza della città. Sento il bisogno di andarci ogni volta che ritorno in Sicilia. Non è per me solo un andare indietro nel tempo ma anche un riappropriami delle mie origini e della mia identità.

Per saperne di più: Wikipedia, ClaudiaCastaldi.com, BlogSicilia

La Pescheria di Catania: l’essenza della città.

Iscrivetevi alla nostra newsletter per restare sempre aggiornati



* campi obbligatori

Terrone fino al midollo. Amante della cucina siciliana e del buon vino. Adora fotografare qualsiasi cosa e viaggiare in qualsiasi Paese. Sogna di fare il giro della Sicilia in Vespa. Prima o poi ce la farà!

Commenta il post usando il tuo profilo preferito
  • Facebook
  • Google Plus
  • Disqus