Le più belle piazze siciliane

Per Sicilia orientale si intende quella parte dell’isola che affaccia sullo Ionio e che comprende le province di Messina, Catania e Siracusa. Consigliarvi in un singolo post cosa visitare in Sicilia orientale è un’impresa quasi titanica. Da Messina a Portopalo è un continuo susseguirsi di parchi, vulcani, località di mare e meravigliosi capolavori architettonici: tutti luoghi che meriterebbero almeno una visita. Quindi, se avete abbastanza tempo a disposizione, il mio consiglio è quello di visitare quanto più possibile. Se invece avete i giorni contati e non volete rischiare di perdere qualcosa seguite i nostri consigli.

Cosa visitare in Sicilia orientale

Cominciamo il nostro tour dalla zona settentrionale. La prima città che incontrerete appena sbarcati in Sicilia sarà Messina. La città merita sicuramente una visita, soprattutto per le sue ottime granite, la sua rosticceria e il bellissimo Duomo. L’orologio astronomico, integrato nel campanile della chiesa, rappresenta l’elemento più caratteristico. Fate quindi una sosta veloce, rifocillatevi e dirigetevi verso sud.

1) TAORMINA: nella nostra top ten non poteva certo mancare Taormina con il suo bellissimo teatro greco e la sua movimentata movida notturna. Nelle vicinanze troverete un mare cristallino con mille sfumature di blu. Passate una giornata all’Isola Bella o al Lido di Mazzarò e capirete meglio. Quello che però più vi rimarrà impresso, sarà sicuramente il panorama. Le strade che dal mare si inerpicano fino al centro storico offrono degli scorci mozzafiato. Resterete con il fiato sospeso.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: non perdetevi Taormina e il suo teatro greco

2) GOLE DELL’ALCANTARA: sono delle gole alte fino a 25 metri, un vero e proprio canyon originato da antichissime colate laviche solcate al centro dalle acque gelide del Fiume Alcantara. Se vi piace l’avventura provate il canyoning nel fiumeScivoli naturali e tuffi e il divertimento è garantito, in totale sicurezza, grazie alle protezioni e imbracature fornite dai più qualificati accompagnatori.

Cose insolite da fare in Sicilia
Cosa visitare in Sicilia orientale: canyoning nel fiume Alcantara

3) ETNA: Il secondo sito che vi consiglio di visitare è l’Etna. Il vulcano è stato recentemente riconosciuto Patrimonio Unesco dell’Umanità (2013) per il suo immenso valore geologico, scientifico e per il suo ruolo fondamentale all’interno del Mediterraneo, di cui ha contribuito a plasmare geografia e mitologia. Vi consiglio caldamente di leggere il nostro vecchio post in cui abbiamo ampiamente spiegato cosa fare per vivere un’esperienza unica sull’Etna.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: vista dall’Etna

4) CATANIA: al primo impatto forse penserete che Catania sia una città caotica. Vi sbagliate! Roma o Milano sono caotiche, Catania invece è una città “folcloristica”. Questo vuol dire che oltre ad essere caotica è anche “viva”. Se siete mai stati a Napoli potete ben capire cosa voglio dire: queste due città sono come sorelle gemelle separate alla nascita. L’arancino catanese è qualcosa di divino. Vi prego, qua non siamo a Palermo e quindi  non usate il termine al femminile. In questa parte della Sicilia, se chiedete un’arancina vi guarderanno con diffidenza. Senza dubbio è una delle mie città siciliane preferite. Leggete il nostro vecchio post se volete approfondire.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: Piazza Duomo – Catania

5) ORTIGIA: è un isolotto su cui sorge la parte più antica della città di Siracusa. Rappresenta il centro storico della città ed è collegata alla terraferma da tre ponti. Ogni centimetro di quest’isoletta merita una visita. Quindi strappate le vostre mappe, riponete le guide negli zaini, prendete la reflex e cominciate a vagare. Concedetevi tutto il tempo che vi serve. Leggete il nostro vecchio post se volete approfondire.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: lungomare di Ortigia – Siracusa

6) PANTALICA: non lontano da Siracusa, situata vicino a delle cave a cielo aperto, si sviluppa la Riserva Naturale di Pantalica e della Valle dell’Anapo, un sito di grandissimo rilievo naturalistico, archeologico ed etnoantropologico nel cuore dell’altopiano ibleo. Passeggiando per i diversi sentieri che si aprono tra la boscaglia, si rimane immediatamente catturati dallo straordinario alveare di tombe scavate sulle pareti di roccia bianca calcarea che corrono a strapiombo sul fiume dando origine a vasti canyon. Dal 2005 è iscritta nella lista dei siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: Riserva naturale di Pantalica

7) LAGHETTI DI CAVAGRANDE: per raggiungerli bisogna scendere per un canyon su un dislivello di più di 300 metri fino a giungere ad una serie di laghetti naturali formati dal fiume Cassibile dall’acqua verde smeraldo limpidissima. Intorno a voi vedrete solo natura incontaminata. Non è sicuramente un itinerario adatto a tutti ma una volta arrivati si dimentica la stanchezza. Il vero problema è la risalita, molto faticosa, soprattutto considerando le temperature estive siciliane. Munitevi di calzature adatte (vietato scendere con infradito o sandali) e tanta acqua potabile. Ne vale sicuramente la pena.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: laghetti di Cavagrande del Cassibile

8) OASI DI VENDICARI: imperdibile per chiunque visiti la Sicilia orientale. La Riserva di Vendicari è stata istituita nel 1984 ed è gestita dall’Azienda Regionale Foreste Demaniali. Il mio consiglio è quello di visitare i resti della vecchia tonnara e poi rilassarvi in riva al mare. Il colore del mare passa da azzurro chiaro a blu profondo e l’acqua naturalmente è limpidissima e pulitissima: una delle spiagge più belle della Sicilia orientale. Altro bel posto all’interno della Riserva è la spiaggia di Calamosche. Scordatevi però bar, lidi, bagni pubblici, racchettoni e musica ad alto volume. Massimo relax.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: Oasi di Vendicari

9) VAL DI NOTO (Ragusa Ibla – Modica- Scicli- Noto): ora è finalmente giunto il momento di visitare le città barocche della Val di Noto, siti UNESCO dal 2002. Queste città, interamente ricostruite  dopo il  terribile terremoto del 1693, rappresentano l’apice e la fioritura finale dell’arte barocca in Europa. Ne abbiamo ampiamente parlato in un precedente post.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: cattedrale di Noto

10) MARZAMEMI: puntando a sud, verso la punta più estrema della Sicilia, si giunge a Marzamemi, un bellissimo borgo di pescatori. La piazzetta centrale (Piazza Regina Margherita) attirerà sicuramente la vostra attenzione: negli ultimi anni le vecchie case dei pescatori sono state trasformate in caratteristiche case di villeggiatura, ristoranti, pub o trattorie. Il mare è limpido, il cibo è ottimo e il panorama incantevole: le coste dell’Africa si trovano proprio di fronte a voi. Da qualche anno è diventata un’ambita meta turistica. Speriamo non si snaturi troppo.

Cosa visitare in Sicilia orientale
Cosa visitare in Sicilia orientale: Marzamemi

Che ne pensate?  Secondo voi cosa visitare in Sicilia orientale? Spero di non aver tralasciato niente.

Iscrivetevi alla nostra newsletter per restare sempre aggiornati



* campi obbligatori

Terrone fino al midollo. Amante della cucina siciliana e del buon vino. Adora fotografare qualsiasi cosa e viaggiare in qualsiasi Paese. Sogna di fare il giro della Sicilia in Vespa. Prima o poi ce la farà!
Commenta il post usando il tuo profilo preferito
  • Facebook
  • Google Plus
  • Disqus